notizie
Notizie di ASSIF

Fundraising in Europe 2017: nuova ricerca EFA

EFA fundraising report 2017

 

EFA (European Fundrasing Association) ha pubblicato il report annuale sullo stato del fundraising in Europa nel 2017. Come racconta Andrea Caracciolo, consigliere ASSIF e vice-presidente EFA, «è una ricerca del tipo desk-based realizzata tra i 15 membri di EFA che ha come scopo quello di aiutare a comprendere meglio come il settore stia cambiando e come EFA possa aiutare a sviluppare ancora meglio la professione. La ricerca è stata condotta mediante un questionario nel quale le diverse associazioni hanno potuto esprimere il proprio punto di vista rispetto a differenti temi quali: i trend delle donazioni, i fattori che possono influenzare il settore, la nuovo General Data Protection Regulation ed il supporto che le associazioni si aspettano dai governi».

La ricerca EFA mette in evidenza alcuni trend estremamente interessanti. Come evidenzia Massimo Coen Cagli, vice-presidente ASSIF con delega alla ricerca, «l’aumento dei costi del fundraising è la prima preoccupazione delle organizzazioni e questo dovrebbe portare i Paesi europei a varare leggi e politiche di riduzione dei costi e di incentivi fiscali per i donatori.

In secondo luogo il mondo delle organizzazioni è largamente impreparato a gestire il nuovo quadro legislativo europei relativo alla protezione dei dati dei donatori. In tal senso appare importante la nostra scelta di conferire a questo tema uno spazio importante nel prossimo ASSIFDay.

In terzo luogo appare evidente che la crescita del fundraising sarà guidata in futuro soprattutto dal fatto che nuove cause e soggetti tengono a praticarlo, soprattutto nel campo dell’arte e della cultura, della salute dello sport e dell’ambiente. Un segno evidente che il fudnraising incomincia a giocare un ruolo essenziale per i servizi di cosiddetto “welfare sociale”.

Un ultimo aspetto meriterebbe un maggiore approfondimento. Infatti il numero dei donatori cresce in modo minore rispetto alla crescita della popolazione. Tuttavia diverse indagini (CAF, EFA, e altre) tracciano trend anche molto differenti tra loro mostrando la necessità di un progetto scientifico di ricerca comune. È necessario a tal fine indagare meglio sulle cause di questo fenomeno che potrebbe essere legato a fattori sociali, culturali e demografici che allo stato attuale non sono efficacemente mappati e analizzati.»

» SCARICA IL REPORT 

» ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER EFA